fbpx Proteggere le scatole con altre scatole - Ghelfi Ondulati
loading
loading

Proteggere le scatole con altre scatole

Ai mix di materiali ammortizzanti non riciclabili, molte aziende hanno cominciato a sostituire alternative a ridotto impatto ambientale. 

Trasportare prodotti fragili dall’azienda al negozio richiede la giusta dose d’ingegno e una serie di accorgimenti tecnici che tutti i professionisti del packaging conoscono bene. Vasi, lampadine, bicchieri, quadri: qualsiasi oggetto che possa essere compromesso dagli urti richiede il suo imballaggio protettivo. Il packaging protettivo può essere composto da un mix di materiali ammortizzanti e semi-rigidi che però non sempre sono riciclabili. Gli imballaggi più tradizionali vedono applicate al cartone ondulato imbottiture fatte generalmente in polistirolo, plastica gonfiabile o astucci anti-shock in poliuretano espanso. Negli ultimi anni le aziende hanno cominciato a proporre soluzioni green che sfruttano l’elasticità e la resistenza del cartone e di altri materiali alternativi per isolare e proteggere. Nel settore alimentare sono state introdotte alternative al polistirolo utilizzate nel trasporto dei prodotti ad alta deperibilità. 

Per il trasporto di prodotti ortofrutticoli, da anni abbiamo messo a punto ESA NO-CRUSH, un imballo a ridotto imballo ambientale brevettato, che è in continua evoluzione per migliorarne le prestazioni. La sua particolarità consiste nell’utilizzo di rinforzi angolari, che conferiscono a un tradizionale vassoio migliore resistenza meccanica, un’elevata circolazione d’aria all’interno della pedana, una maggiore automatizzazione per il riempimento automatico.

esa

scopri di più sul progetto Esa No-Crush

Scarica la presentazione

Ghelfi Ondulati S.p.A.
Via dei Lavoratori 10
23010 Buglio in Monte (SO)
Italy

C.F. / P.IVA IT00127070142
R.E.A. n. 29515
Reg. Imprese Di Sondrio
N. PR - 00127070142
Cap. Soc. € 2.000.000,00 i.v.

© Ghelfi Ondulati S.p.a. | Privacy e Cookie Policy